Negozi e e-commerce, perché l’uno non esclude l’altro

Condividi questo post: Facebook Twitter Linkedin Email WhatsApp Telegram
Negozi e e-commerce, perché l’uno non esclude l’altro

Le aziende che scelgono di entrare nel mondo della vendita online spesso decidono di escludere il negozio fisico dalle proprie scelte di business. Sfatiamo un mito: e-commerce e negozio fisico non si fanno la guerra.

Perché negozi e e-commerce vanno d’accordo

Basta dare ai siti di vendita la colpa dei cali di fatturato e nel peggiore delle ipotesi di chiusura dei negozi. Ci sono altri fattori concomitanti, troppi da elencare (aumento dei centri commerciali, delle catene di negozi che presentano prezzi competitivi su tutte).

D’altronde se anche Amazon, il colosso della vendita online ha aperto il proprio store un motivo ci sarà. Si trova a New York e un altro Amazon “4 Star” aprirà a breve a Milano. Cosa si trova all’interno dello store Amazon? I prodotti venduti sul marketplace e tanti vantaggi esclusivi per gli abbonati ad Amazon Prime.

Questo vuol dire che anche di fronte alla crescita del settore dell’e-commerce e della vendita online i negozi tradizionali restano centrali nel processo di vendita.

Avere un negozio virtuale e un punto vendita tradizionale: vantaggi per il brand

Avvicinare esperienza online e reale

Con i dati rilasciati di recente, Google dichiara che il 61% delle persone preferisce acquistare in un negozio fisico per avere immediatamente e a portata di mano ciò che desidera. Di questo campione, il 78% però prima di uscire per fare shopping verifica online prezzo e recensioni. Vale a dire che il consumatore medio compra attraverso i canali tradizionali ma allo stesso tempo si assicura di spendere i propri soldi nel miglior modo facendo una ricerca web.

Questi dati dimostrano perché negozi e e-commerce vadano integrati. Lo store tradizionale deve rispondere al desiderio di immediatezza del cliente e al contempo non deve restare fuori dal contesto digitale per far parte e soddisfare la customer journey dell’utente. D’altro canto i siti e-commerce devono diminuire i tempi di consegna per aumentare le proprie vendite e offrire un servizio che rispetti gli standard per avere riscontri postivi; la prima cosa che un utente cerca online dopo il prezzo.

Far crescere la brand awareness

Online la visibilità di un brand cresce grazie a campagne pubblicitarie sui social o su Google Ads. La consapevolezza e la forza del brand cresce allo stesso modo quando una persona nota, dopo aver visto un contenuto sponsorizzato sui social, l’insegna del negozio in città.

Il negozio può diventare distributore

Un altro punto a favore dell’integrazione di negozi fisici e di store online sta nel fatto che sempre più utenti cercano brand che diano la possibilità di far arrivare (e provare a seconda dei casi) la merce in negozio. In questo modo l’utente si sente più sicuro e acquista più facilmente e al momento del ritiro della merce, mentre aspetta il suo pacco, fa un giro del negozio, probabilmente comprando qualcos’altro. Questa flessibilità e questo incontro tra negozio e e-commerce vede crescere la fidelizzazione alla marca.

La comodità dell’acquisto online è diventato un must per molti consumatori. Le realtà che hanno saputo integrare il proprio store online ai comfort del negozio tradizionale hanno acquisito un grande vantaggio competitivo.

Offri ai tuoi clienti un’esperienza totale sia online che in negozio e vedi crescere le vendite e la soddisfazione dei tuoi clienti. Non hai ancora un e-commerce? Ti mostriamo come aprirlo e cominciare a vendere in pochi passi. Parlaci del tuo brand.